Primo redentore ed ultimo redentore


Un autentico collegamento Il compito di Moshè Rabbèinu è quello di stabilire un legame fra la realtà Divina soprannaturale e quella materiale del nostro mondo. Non è sufficiente che D-O si riveli nel mondo in modo soprannaturale, per mezzo di miracoli e prodigi. Bisogna piuttosto che la santità Divina si colleghi e si unisca all’ambito naturale del mondo. Se la rivelazione Divina non si riveste dell’ambito materiale del mondo, ma lo spezza stravolgendone gli schemi, non si viene a formare un collegamento autentico. Se anche al momento può esservi una rivelazione Divina di portata eccezionale, davanti alla quale tutti restano ammutoliti ed impressionati, una volta che questa rivelazione viene a cessare, il mondo torna alla sua percezione naturale di sempre. Per questo, la rivelazione Divina deve avvenire all’interno del sistema naturale del mondo materiale, poichè solo allora diverrà chiaro che la natura stessa è parte del soprannaturale Divino.

Il tramite Per creare questo collegamento vi fu bisogno di Moshè Rabbèinu. Egli funse da tramite per il collegamento di Divino e natura, come egli stesso dice, nella Torà: “Io sto fra D-O e voi” (Devarìm 5:5). Moshè si pone fra D-O ed il popolo d’Israele e crea un collegamento fra di essi. Per poter fare ciò, Moshè Rabbèinu stesso doveva comprendere dentro di sè questi due aspetti: quello Divino e quello umano. Da un lato egli è uomo “ish”, e dall’altro egli ha una parte che è Divina, soprannaturale. In virtù di questa caratteristica egli potè collegare la santità Divina alla realtà naturale.

Moshè e Moshiach Questa forza particolare di Moshè Rabbèinu troverà espressione anche nel nostro Giusto Moshiach, e per questo è detto che anche la Redenzione futura avverrà per merito di Moshè. Moshiach porterà a termine l’opera iniziata da Moshè, e completerà il collegamento fra la realtà naturale e la santità soprannaturale. Ed è a proposito di ciò che è detto: “Come nei giorni della tua uscita dall’Egitto ti mostrerò prodigi”. Infatti, i miracoli della redenzione futura saranno considerati prodigiosi anche in confronto a quelli dell’uscita dall’Egitto, poichè essi dimostreranno e riveleranno, che anche la stessa realtà naturale è essenzialmente Divina. Ed allora si realizzerà il fine ultimo: “E D-O sarà Re su tutta la terra”, nella Redenzione vera e completa, possa essa avvenire subito e di fatto. (Sefer haSichòt 5751, pag. 398)

#Moshè #ishelokì #Redenzione #Moshiach #redentore

0 visualizzazioni

©2019 di Vivere la Gheula. 

  • Facebook Icona sociale