HaYomYom: Sabato, 2 Kislèv 5780

Lunedì                                                        2 Kislèv                                                5704

Mio nonno, una volta, spiegò in un maamàr la frase, R. Elazàr prima diede una moneta ad un povero, e dopo pregò (Baba Batra 10a), in questo modo: “Bisogna pregare con vitalità. Dando, prima della preghiera, della carità ad un povero – dandogli, quindi, vita – si aggiunge una grande vitalità alla nostra preghiera.” Dicendo questo, egli fece un movimento con la mano dal basso verso l’alto, ad indicare che si tratta di un’aggiunta, che sorpassa ogni immaginazione. Effettivamente, spesso mio padre cercava un povero, prima della preghiera, per dargli del cibo.

0 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

©2019 di Vivere la Gheula. 

  • Facebook Icona sociale