HaYomYom: Martedì, 12 Adàr 5778

Mercoledì                                                12 Adàr 1                                               5703

È scritto: “Il dono dell’uomo gli allarga la via e lo guida davanti ai potenti.” Alcuni sono conosciuti per la loro sapienza o ricchezza. Ma “il dono dell’uomo”, quando un individuo, cioè, dà il suo “uomo”, ossia, si dedica e si occupa del rafforzamento dell’Ebraismo, allora, non solo ciò “gli allarga la via”, ma anche “lo guida davanti ai potenti” (ad una posizione, cioè, che è superiore a quella dei potenti).

___ . ___

Venerdì                                                  12 Adàr 2                                                 5703

La parashà che si occupa dei sacrifici, inizia con: “Un uomo che sacrifica di voi un sacrificio a D-O”. L’ordine logico delle parole avrebbe dovuto essere: “Un uomo di voi che sacrifica, ecc.” L’Admòr HaZakèn risponde: “Un uomo che sacrifica” – affinché quell’uomo si avvicini a D-O – “di voi un sacrificio a D-O” – egli deve portare un sacrificio di se stesso. Egli deve sacrificare il suo “animale” personale, il desiderio per il male, che è chiamato: ‘anima animale’.

0 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

©2019 di Vivere la Gheula. 

  • Facebook Icona sociale